Categoria: Eventi

Romix Roma: date, luogo e biglietti

Il Romics è ormai uno storico appuntamento per gli appassionati del fumetto, del cinema e dei videogames nel quale due volte l’anno si riuniscono un gran numero di ragazzi e adulti. Vecchio di ben 16 anni, anche in questo 2017 si daranno i consueti appuntamenti ad aprile e a ottobre, mesi di richiamo per le persone interessate a tutto ciò che concerne tale rassegna internazionale. Continue reading “Romix Roma: date, luogo e biglietti”

L’arte europea in mostra a Genova

paladucalegenovaIl Palazzo Ducale di Genova, in Piazza Matteotti 9, ospita, fino al 10 aprile 2016, una sorprendente mostra di pittura dell’Ottocento e Novecento europeo: 52 grandi capolavori ricevuti in prestito dal museo americano Detroit Institute of Arts.

A Genova tutti i più grandi esponenti

La mostra ripercorre la storia dell’arte dei maggiori esponenti del periodo: dall’Impressionismo di Monet e Manet, alla pittura di Van Gogh, dall’ astrattismo di Kandiskij alla geometria di Picasso.

Questa, è sicuramente un’occasione unica per ammirare quadri di grande valore storico ed economico: celebri maestri che hanno rivoluzionato, con la loro arte, la cultura mondiale, lasciando un segno indelebile nella storia.

L’esposizione pone l’accento sul grande collezionismo americano: un impressionante collaborazione tra pubblico e privato che ha portato alla creazione di musei considerati fondamentali per la crescita culturale del Paese. Il Detroit Institute of Arts è stato uno di questi: fu fondato nel 1885 e più volte rinnovato fino ad oggi, è amato come esempio di gloria cittadina.

In visita a Palazzo Ducale potrete ammirare opere di inestimabile valore come quella di Matisse, I Papaveri, dove il rosso acceso dei fiori va in contrasto con il blu del paravento, simbolo della continua ricerca del pittore di armonia e contrasto tra i colori.

Potrete studiare i quadri di Modigliani, con i loro caratteristici visi allungati e occhi trasparenti, e quelli di Picasso, considerato l’artista più carismatico del Novecento. Dipinse l’opera Donna seduta, nel 1960, alla soglia degli 80 anni: instancabile nonostante l’avanzata età.

Documentari a regola d’arte

documentari arteNovembre sarà un mese ricco di appuntamenti interessanti: dalle scoperte della scienza a storie tutte italiane raccontate in documentari girati a regola d’arte.

Dopo aver realizzato diversi film basati su storie vere, a partire da Apollo 13, il regista Ron Howard, ha ideato e prodotto un ciclo di documentari dedicati alle ultime scoperte scientifiche intitolato «Breakthrough». I sei episodi, che andranno in onda su National Geografic tutti i lunedì alle 21.55, sono diretti da altre star di Hollywood tra cui Angela Basset che si occupa della siccità con l’aiuto dell’architetto italiano Arturo Vittori  che attualmente è impegnato in Etiopia; Paul Giamatti presenta le nuove tecnologie in ambito della disabilità e lo stesso Howard indaga sui segreti della longevità con il biologo Brian Kennedy. Da non perdere.

Documentari reali

Boats, ovvero «based on a true story» è il titolo di una serie di documentari che raccontano storie vere, fatti realmente accaduti in un passato molto recente. Pif, Perifrancesco Diliberto, introduce ogni settimana storie italiane contemporanee raccontate in modo anticonvenzionale, punti di vista inediti e informali. Ogni storia è presentata dall’autore siciliano alternando ricordi e anneddoti personali inerenti all’argomento della puntata.

Uno dei doc, «Liberi tutti» di Luca Rea, presentato inoltre alla Festa del Cinema di Roma, narra la storia delle prime tv private in Italia. Bartolomeo Pampaloni firma la regia di «Chris & Mil- Un amore trasgender», una storia d’amore tra due ragazzi trasgender di Bologna, coraggiosi e pronti a tutto.

«Searching for Padre Pio» di Abel Ferrara è dedicato al Santo di Pietrelcina. In onda su DeeJay Tv tutti i lunedì alle 23.15.

Hayez: tre versioni dello stesso bacio

hayez«Il Bacio» di Francesco Hayez è uno dei baci più famosi della storia dell’arte, il più realista, il più romantico. Il pittore veneziano faceva parte del movimento storico del Romanticismo, il più diffuso nel 1800, che intendeva imprimere su tela il sentimento dell’amore vero, dell’amore romantico. Il successo di quest’opera ha determinato anche il successo di tutte le altre, ben 120 opere, tra cui il ritratto di Alessandro Manzoni, celebre autore de I «Promessi Sposi». Ma, il Bacio è stato il suo capolavoro più grande, più conosciuto, più amato.

E’ un immagine che riporta chi lo guarda in quell’atmosfera inglese di qualche secolo fa, due amanti che s’incontrano di sfuggita per regalarsi piccoli gesti d’amore a riparo da occhi indiscreti.

Hayez a Milano

Infatti, questo quadro, è il primo che si può ammirare visitando la mostra di Hayez, dal 7 novembre alle Gallerie d’Italia a Milano. Non tutti sanno, però, che dello stesso dipinto esistono tre versioni diverse, tutte esposte durante la mostra. Sarà divertente scoprire le differenze che l’artista ha voluto apportare su ogni tela, come la mantellina gettata sulle scale o il diverso rosso usato per la calzamaglia del nostro protagonista.

Talmente belli da sembrar fotografie! Si dice, infatti, che Hayez fosse affascinato dalla fotografia, tecnica artistica del tutto nuova per i suoi tempi, e la utilizzasse  come base per i suoi dipinti.

Una curiosità: pare che la Perugina per i propri Baci si sia ispirata ai due innamorati del quadro, per cui dobbiamo proprio a lui la creazione dei famosissimi cioccolatini dal cuore di nocciola.