martedì, 26 Gennaio, 2021
Meloni gialli: proprietà, calorie e ricette

Tra i tre tipi di meloni esistenti, il melone giallo è il più dolce, gustoso e zuccherino: conosciuto anche come melone invernale – per il periodo in cui si raccoglie, è caratterizzato dalla buccia giallo canarino e per la caratteristica forma, più ovale rispetto al classico melone arancione.

L’interno, di una delicata colorazione avorio, è morbido e succoso, perfetto per dare sapere a macedonie e frullati. Le origini del melone giallo sono ancora piuttosto incerte: c’è chi dice che provenga dall’Africa, e chi invece lo associa all’Asia, ma è certo che già i romani, nel primo secolo d.C., utilizzavano il melone nella loro cucina, così tanto che l’imperatore Diocleziano emise un editto che tassava tutti i meloni più pesanti di 200 grammi.

Oggi si è diffuso in tutta Italia, ma la produzione maggiore si ha in Puglia e Sicilia, grazie al clima particolarmente mite di queste regioni.

Proprietà e benefici dei meloni gialli

Nonostante il suo gusto zuccherino, il melone giallo ha pochissime calorie: il conto è di 34 kcal per 100 grammi, e questo perché è composto per la maggior parte di acqua, un dettaglio che lo rende eccellente per le diete, in quanto aumenta il senso di sazietà senza far ingrassare, e allo stesso tempo aiuta a contrastare la ritenzione idrica.

Inoltre, il melone giallo contiene un’alta presenza di collagene, e per questo è un vero elisir per la pelle: stimola, infatti, l’assenza di impurità e va a rafforzare l’integrità della struttura cellulare, andando a beneficiare anche la guarigione delle ferite.

All’interno del melone giallo si trova tanta vitamina C, eccellente stimolatore del sistema immunitario, ma si trova anche una dose importante di potassio, eccezionale per controllare la pressione arteriosa.

Tra le altre funzioni positive di questo alimento gustoso c’è anche il regolamento del transito intestinale: il melone giallo, infatti, aiuta molto chi soffre di stitichezza.

Questo può essere anche un effetto collaterale: se, infatti, si mangia il melone in quantità esagerate e troppo spesso, potrebbe portare dissenteria e fastidi intestinali.

Meloni gialli in cucina: le ricette migliori

Il melone giallo è eccezionale da solo o all’interno di ricche macedonie, ma esistono anche tanti modi curiosi e originali di presentare questo frutto delizioso.

Oggi ne presentiamo tre, uno più particolare dell’altro: il primo è il gelato al melone fatto in casa, da preparare con latte, uova, panna fresca e zucchero. La preparazione è molto semplice, bisogna solo avere la pazienza di far riposare il composto in freezer almeno 10 ore, ma il risultato è assicurato, ed è squisito!

La seconda proposta è la marmellata di melone giallo, dolcissima e perfetta da spalmare sul pane: si prepara con 1 kg di melone, 250 g di zucchero e 1 cucchiaino di succo di limone. Basta far cuocere per circa 30 minuti, togliendo la schiuma ogni tanto, e poi frullare tutto, trasferire la marmellata in vasetti sterilizzati e lasciarla compattarsi in un luogo fresco e asciutto.

La terza idea è davvero originale, e perfetta da regalare ad amici e parenti: è il meloncello, ovvero il liquore al melone cremoso e squisito.

Per realizzarlo, bisogna far riposare la polpa del melone dentro l’alcol, in un contenitore con chiusura ermetica e per una settimana, mescolando il composto ogni giorno. Passato il tempo previsto, bisogna filtrare il liquido e frullare la polpa, per poi unirla a zucchero, panna e latte caldi.

Una volta aggiunti tutti gli ingredienti, bisogna mixare e filtrare tutto ancora una volta, e poi lasciare riposare il composto una settimana.