giovedì, 13 dicembre, 2018

Se si è sempre pensato di essere davvero organizzati e intraprendenti è possibile che prima o poi ci possa sfiorare l’idea di mettere in pratica in modo utile queste nostre capacità. Essere organizzati è sempre utile, ma esserlo in certi casi è davvero necessario e se la strada che vogliamo intraprendere è quella dell’organizzatore di eventi, allora questo aspetto della nostra personalità è davvero fondamentale.

Cosa bisogna valutare?

Prima di intraprendere un percorso simile e magari anche di lasciare l’occupazione attuale confortevole e sicura per lanciarsi in questo mondo è bene prendersi un momento di riflessione per valutare se davvero questa può essere la nostra strada.

Non bisogna mai lasciarsi ingannare dal fatto che si possa essere “bravi” in alcuni campi perché rendere una qualità così spiccata da essere il fulcro del nostro potere lavorativo non è affatto semplice.

Bisogna capire se le doti che possediamo le possediamo davvero e se esse sono davvero applicabili a tutti i campi e possono essere sfruttate per aiutare gli altri ad organizzare con meticolosità e precisione un evento a cui tengono.

Innanzitutto, dunque, bisogna essere certi di possedere tali doti. A quel punto bisogna mettere in pratica e provare a pianificare qualche evento, anche semplicemente che riguarda noi stessi e che non coinvolge terze persone, per valutare se davvero tutto poi filerà liscio e quando invece dovremmo rivedere qualcosa e pianificare meglio.

E’ possibile aiutarsi stilando un vero e proprio plot dei passaggi da fare per dare al nostro evento uno scheletro su cui reggersi con fermezza e costruire solo in seguito tutto l’intorno del caso.

E’ fondamentale questo passaggio perché in questo modo riusciamo a capire le criticità del sistema e osservare con occhio più critico il nostro lavoro che magari, posto in termini meno pratici sembra funzionare ma che, a conti fatti non funziona come dovrebbe.

Una volta creato un sistema guida che possa essere applicato a tutti gli eventi che andremo ad organizzare possiamo iniziare ad esporci con altre persone e a proporci come organizzatori.

Che eventi organizzare?

Non tutti gli eventi sono uguali e con l’andare del tempo è probabile che si scelga di organizzare eventi dello stesso tipo ma inizialmente è fondamentale fare esperienza e proporsi per qualsiasi evento disponibile.

E’ normale che all’inizio si lavori gratuitamente o quasi poiché non avendo esperienza serve farsi conoscere e basta. Si può cominciare da associazioni no-profit e di volontariato che già di per se sono gratuite e a cui partecipano molte persone.

Lo scopo primario non sarà di certo guadagnare ma farsi conoscere, migliorare la tecnica e costruire un portfolio che sia rappresentativo e utile per trovare lavoro nel settore in seguito. Più esperienze verranno fatte, più ci sarà margine di miglioramento e più si sarà in grado di proporre un servizio credibile, completo e adatto ad ogni esigenza e possibilità.

Mettendo in pratica queste poche regole e lavorando sodo sarà possibile fare delle proprie doti innate un lavoro duraturo, redditizio e che dia davvero moltissima soddisfazione a noi e ai nostri clienti.