martedì, 26 Gennaio, 2021
Nessuno si salva da solo: autore e trama

Nonostante la sua produzione di libri sia piuttosto contenuta, Margaret Mazzantini è una delle scrittrici più apprezzate della letteratura italiana: tutti e sei i suoi libri pubblicati sono stati grandissimi successi letterari tradotti in almeno trentacinque lingue. 

E non solo: quasi tutti i romanzi scritti dall’autrice dono diventati dei film per il cinema, nati grazie alla collaborazione della scrittrice e attrice con suo marito, il regista e attore Sergio Castellitto.

Una delle opere più amate di Margaret Mazzantini è Nessuno si salva da solo, romanzo del 2011 molto intenso, in cui vengono affrontati i temi attuali della società moderna, dalle sfide del rapporto di coppia a problemi più gravi come l’anoressia.

Oltre ad aver avuto un ottimo successo in libreria, l’opera è diventata anche un film nel 2015, in cui i protagonisti hanno il volto di Riccardo Scamarcio e Jasmine Trinca.

La trama di Nessuno si salva da solo

La storia di Nessuno si salva da solo ruota intorno a due personaggi, Delia e Gaetano: i due hanno avuto una storia d’amore intensa e due figli insieme, ma ora si sono lasciati e devono imparare a convivere con tutti i sentimenti che questa nuova condizione porta.

Nonostante la loro scelta, però, entrambi sono ancora combattuti nel profondo: la storia ci guida quindi attraverso i loro sentimenti, raccontandoci il conflitto di due giovani in preda a rabbia e passione, alla voglia di andare avanti e alla tentazione di riaggiustare quello che è stato.

Nessuno si salva da solo un romanzo che parla dei sentimenti della generazione contemporanea, e che con attenzione e precisione racconta i drammi, le sfide e i conflitti di una coppia in cui è facile rispecchiarsi: Delia e Gaetano potremmo essere tutti noi, e per questo la lettura del romanzo è coinvolgente e intrigante.

Inoltre, Margaret Mazzantini tocca nel suo libro tante tematiche profonde e interessanti, che stimolano la riflessione su argomenti che ci troviamo ogni giorno davanti nella vita quotidiana, ma a cui magari non sempre diamo il peso che meritano.

Alla scoperta dell’autore: Margaret Mazzantini

Scrittrice, drammaturga e attrice italiana, Margaret Mazzantini nasce a Dublino dallo scrittore Carlo Mazzantini e della pittrice irlandese Anne Donnelly.

Dopo aver vissuto in Irlanda fino all’età di tre anni, la famiglia si trasferisce a Tivoli, vicino Roma, e proprio qui Margaret inizia a seguire il suo sogno legato alla recitazione: nel 1982 si diploma presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica e passa gli anni della giovinezza ad esibirsi come attrice di teatro, cinema e televisione.

Solo nel 1994 arriva il suo esordio come scrittrice: il suo primo libro si chiama Il Catino di Zinco, che subito vince il premio Opera Prima Rapallo-Carige e del Premio Selezione Campiello – Selezione Giuria dei Letterati.

La ricezione al grande pubblico, però, arriva con il romanzo Non ti muovere, edito da Mondadori nel 2002: è un successo grandissimo, che vince tra i vari premio anche l’ambitissimo Premio Strega e che diventa anche uno splendido film con Sergio Castellitto e Penélope Cruz.

Il grande talento di Margaret Mazzantini e il suo impegno in ambito culturale vengono premiati nel 2003, quando viene insignita del titolo di Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana su iniziativa del Presidente della Repubblica.

Dopo il grande successo di Non ti muovere arrivano nel 2008 il romanzo Venuto al mondo, edito da Mondadori e vincitore, tra gli altri, del Premio Campiello, e nel 2011 il romanzo di cui abbiamo parlato in questo articolo, Nessuno si salva da solo, edito da Mondadori e vincitore del Premio Flaiano.

Nel 2011 esce anche Mare al Mattino per Einaudi, mentre l’ultima fatica letteraria risale al 2013: è il romanzo Splendore, edito ancora una volta da Mondadori.

Dal 1987 Margaret Mazzantini è sposata con l’attore e regista e attore Sergio Castellitto, con cui ha avuto quattro figli e con cui ha collaborato più volte nel corso degli anni, una coppia molto affiatata sia nella vita che nella carriera.