venerdì, 24 maggio, 2019
5 cose che i gatti odiano di più: quali sono?

In questo articolo vi insegneremo alcune cose che probabilmente non sapete della razza felina per eccellenza, soprattutto se domestica: il gatto. Dovete sapere che i gatti odiano 10 cose principalmente. Scopriamo quali sono, in questo articolo, in modo da poter capire meglio i nostri amici a quattro zampe ed evitare così di farli soffrire inutilmente.

Cosa odiano di più i gatti?

  1. I gatti non sopportano proprio i forti odori: anche se il loro olfatto non è così sensibile come quello dei cani, lo hanno certamente sviluppato più di noi umani e percepiscono una grande varietà e intensità di odori. Per questo motivo non tollerano l’odore dell’aceto, della cipolla e anche l’odore della benzina.
  2. L’acqua è una delle cose che i gatti odiano di più, anche se solo poche gocce cadono sul loro corpo, molto probabilmente scapperanno alla massima velocità. Tuttavia questo non accade a tutti i felini poiché una minoranza dei gatti tollerano l’acqua. Tra le teorie che spiegano questo odio: la più nota è quella che fa riferimento all’origine della maggior parte delle razze di gatti, cioè molti di loro provengono dalle zone desertiche situate in Medio Oriente e in Cina, dove hanno avuto pochi contatti con l’acqua.
  3. La presenza di animali sconosciuti sul loro territorio è una delle cose che i gatti odiano di più, tranne se sono stati abituati fin da cuccioli alla presenza di un cane o di un altro gatto. Tuttavia la maggior parte dei gatti si nasconde quando qualcuno che non è della famiglia visita la casa; bisogna considerare che ai gatti piace sentire l’ambiente e controllare tutto ciò che che li circonda quindi l’arrivo di uno sconosciuto comporta un sacco di nuovi odori e suoni che non hanno sentito prima; anche se per alcuni ciò risveglia la curiosità, per la maggior parte invece causa paura e insicurezza.
  4. Essere costretti a fare cose che non vogliono è davvero una cosa insopportabile per i nostri amici felini. Ecco perché odiano gli abbracci. Quando per noi è solamente una normalissima dimostrazione di puro amore, per loro è una vera seccatura, perché si sentono intrappolati. Costringere un gatto a fare cose che non vuole può causargli stress, ansia e persino paura; tutto ciò, messo insieme, può comportare episodi spiacevoli per noi e per loro, come il ricevere graffi e morsi. Questo però non significa che i gatti non siano animali affettuosi, indica semplicemente che per loro tutto ha un momento e un limite.
  5. I gatti non tollerano i rumori forti in generale: le urla e gli schiamazzi improvvisi, i petardi, la musica ad alto volume, il rumore di elettrodomestici come l’aspirapolvere e l’asciugacapelli, ma i tuoni che si sentono durante le tempeste o la sirena dell’ambulanza sono solo alcuni dei suoni che i gatti odiano; il loro senso dell’udito è molto più sviluppato del nostro e quindi non deve sorprenderci che si sentano infastiditi da questo tipo di rumori. Per questo motivo si consiglia di non urlare quando si vuole rimproverare un gatto per dei suoi comportamenti indesiderati perché comporterebbe solo stress, ansia e paura. Il miglior metodo è fare uso di rinforzi positivi e migliorare il buon comportamento.