giovedì, 21 febbraio, 2019
Animali con la Z: esistono? Quali sono?

Di animali che iniziano con la lettera Z ne esistono eccome, solo che alle volte quando ci viene chiesto quali di questi ci vengono in mente rispondiamo sempre zebra o zanzara. Questi due sono compresi nell’elenco sotto stilato, assieme ad altri dei quali sicuramente non avete mai sentito parlare.

Protagonisti del regno animale che iniziano con la lettera Z

Mammiferi

  • Zebra: come già detto, che spesso viene associato per primo alla lettera Z. Questo animale e appartenente alla superfamiglia degli equini. Infatti è simile a un cavallo ma presenta un particolare manto a strisce bianche e nere. Come i suoi stessi “parenti” si nutre di foglie e di tutto ciò che può offrire la natura circostante; la zebra è un animale che si può trovare prevalentemente in Africa, ed è spesso preda del leone.
  • Zebù: (Bos taurus indicus) mammifero originario dell’Africa e dell’Asia che fa parte della sottospecie Bos taurus come nelle zone tropicali (in India è considerato sacro e viene utilizzato anche come animale da tiro). Difatti è un bovino molto simile ad un toro ed è una specie indipendente dalla vacca comune, così come l’uro, ormai estinto. In maggior parte dell’Asia questo tipo di bovino è il più comune, mentre in Giappone, in Corea, in Mongolia e in Africa, gli zebù che si trovano più spesso sono di tipo europeo.
  • Zenkerella: (Zenkerella ignisis) questo animale è un roditore della famiglia degli Anomaluridi, l’unica esistente del genere Zenkerella, e che ha il suo habitat nell’Africa centro occidentale.
    Il nome dell’animale è dedicato il botanico tedesco Georg August Zenker, che ne catturò un esemplare nello stato africano del Camerun. La zenkerella in genere di piccole dimensioni con una pelliccia soffice è di colore grigio-marrone; potrebbe assomigliare a uno scoiattolo volante solo che non possiede il patagio, cioè quella membrana utile ai pipistrelli (e a certi tipi di mammiferi) per supportare le planate in volo.
  • Zibellino: (Martes zibellina) Si tratta di un mammifero onnivoro mustelide diffuso un tempo anche nell’Europa settentrionale e scomparso successivamente; in Asia nord-orientale sopravvivono le sue sottospecie. In Russia è proibita l’esportazione dello zibellino mentre d’allevamento e monopolio dello stesso stato. Trova il suo habitat perfetto nelle foreste di conifere e hanno una diversa “dieta” a seconda della stagione. Questo animale può ricordare la martora dalla quale si differenzia per il muso, per le orecchie e la coda più corta.
  • Zibetto: chiamato anche zibetto africano fa parte dell’ordine dei carnivori e della famiglia dei viverridi. Diffuso in africa subsahariana, è l’unica specie vivente del genere Civettictis.
    Detto deriva dalla parola francese civette, civetta, anche se non è propriamente un uccello rapace, e dal suo adattamento della parola zabad (arabo), cioè schiuma, in riferimento alla sostanza che l’animale produce a scopi difensivi, come se fosse quasi una specie di puzzola. Possiede grandi dimensioni che da un aspetto simile a un procione anche se ha un capo molto più piccolo del resto del corpo. Il manto e maculato, la cosa è tozza e restringe alla punta.

Uccelli

  • Zigolo: è un uccello dell’ordine passeriforme appartenente alla superfamiglia degli Emberizidae.
    Esistono varie specie di zigolo e ciò dipende da loro habitat e dai paesi di provenienza, ma hanno tutti, in sostanza, un corpo dall’aspetto piuttosto paffuto. In natura si trova infatti lo zigolo delle nevi, dal piumaggio bianco e nero (specie sulle ali), lo zigolo capinero (con la testa dal piumaggio nero), lo zigolo giallo, quello che proviene dalla regione della Lapponia (dal piumaggio nero, marrone e bianco latte), lo zigolo golarossa (rosso, marrone e bianco, con qualche striatura nera) e lo zigolo nero (simile a quello giallo ma con striature più scure sulla faccia).

Insetti

  • Zanzara: (nome scientifico: culicidae) questo insetto è certamente conosciuto come il più fastidioso,specie durante la stagione estiva. Le zanzare appartengono una famiglia di insetti (Culicoidea) dell’ordine dei Ditteri contante 3540 specie. Hanno un corpo allungato ed esile, in genere hanno una lunghezza di 3-9 mm e, specialmente le femmine, posseggono un apparato con cui pungere altri animali e prelevare le proteine necessario per il loro nutrimento e la fecondazione lasciando poi un ricordo fastidioso e urticante, grazie al veleno che rilasciano.

Aracnidi

  • Zecca: (nome scientifico: Ixodida) è un sottordine che comprende tre grandi famiglie. La zecca comune fa parte di quella chiamata ixodidae. Si tratta di parassiti emofagi (si nutrono del sangue) che attaccano prevalente mente i nostri poveri animali da compagnia, cani e gatti, soprattutto quelli che entrano spesso in contatto con altri animali di questa specie. Esiste invece una razza di zecca che abita nelle zone boscose che possono trasmettere delle malattie ancora più pericolose.