martedì, 27 Ottobre, 2020
Le migliori azioni di aziende hi-tech su cui investire

Il settore hi-tech è sicuramente quello più interessante al giorno d’oggi, infatti all’interno di un portafoglio d’investimento non possono mancare i titoli dei giganti tecnologici. La scelta è abbastanza ampia e variegata, con tantissimi gruppi che hanno registrato andamenti in Borsa in crescita e risultati operativi al di sopra delle attese. Ecco quali sono i migliori titoli hi-tech del momento.

Amazon: quotazione record e capitalizzazione sopra il trilione

Secondo il sito Emanueleperini.com, specializzato negli investimenti finanziari, per costruire un portafoglio diversificato è indispensabile comprare azioni Amazon, una delle migliori aziende hi-tech degli ultimi anni. Al momento, il gruppo guidato da Jeff Bezos vanta una quotazione di oltre 2.330 dollari ad azione, con una performance a 6 mesi di +32,08% e una capitalizzazione superiore a 1 trilione di dollari.

Ormai il business di Amazon è tra i più profittevoli del settore, grazie a una serie di attività che vanno ben oltre la vendita di prodotti di consumo all’interno dell’e-commerce. L’azienda vanta ricavi pubblicitari in crescita, un comparto molto remunerativo legato al cloud e ai servizi alle imprese (Amazon Web Services), con una quota considerevole dei sistemi di smart home, nei servizi di streaming video e musicale.

Apple: in aumento i servizi e business solido

Un altro titolo da mettere sicuramente in portafoglio è Apple, la cui quotazione attuale è superiore a 297 dollari ad azione. L’azienda di Cupertino ha ottenuto un anno record, con un aumento del valore in Borsa nei 12 mesi del 45,74%, mentre la performance a 6 mesi è stata di +18,77%. Il tutto con una capitalizzazione superiore a quella di Amazon, pari a quasi 1,2 trilioni di dollari.

In questo 2020 sono in molti a chiedersi se sia effettivamente il momento giusto per investire su Apple, visto il prezzo elevato, tuttavia vari analisti concordano come il business del gruppo possa crescere ancora nei prossimi anni. Se da un lato cala lievemente la vendita di iPhone, c’è stato un vero e proprio boom di Apple Watch, inoltre non bisogna dimenticare l’aumento esponenziale nei servizi, come Apple Music e Apple TV.

Google (Alphabet): vola la pubblicità su YouTube e il cloud

Se Amazon e Apple hanno superato il trilione di dollari di capitalizzazione, anche Google non è stata a guardare. L’azienda di Mountain View vanta un valore complessivo di 926 miliardi di dollari, con una quotazione del titolo Alphabet in Borsa di 1354 dollari per azione. L’andamento è più che positivo per il gruppo, con un aumento del prezzo azionario nell’ultimo anno dell’11,21%.

Da segnalare la trimestrale di Google nei primi mesi del 2020, periodo in cui le attività hanno portato ricavi in aumento del 13%, arrivati a quota 41,2 miliardi di dollari e dunque ben al di sopra delle attese (40,2 mld di dollari). Settori cruciali sono i ricavi pubblicitari di YouTube, in crescita del 33% nel trimestre, ma soprattutto le attività nel campo del cloud, dove Google ha incrementato il suo giro d’affari del 52%, raggiungendo i 2,78 miliardi di dollari.

Facebook: utili in volata e ricavi al di sopra delle attese

Tra le migliori azioni hi-tech non poteva mancare anche Facebook, infatti il gruppo di Mark Zuckerberg, che comprende oltre alla piattaforma anche WhatsApp e Instagram, ha al momento una quotazione di 208 dollari ad azione. Il prezzo del titolo è in rialzo del 9,97% nell’ultimo anno, con una prestazione a 6 mesi di +9,88% e una capitalizzazione di 439 miliardi di dollari.

Anche per Facebook la prima trimestrale 2020 è decisamente positiva, come si evince dai dati pubblicati dal gruppo. In particolare si registrano utili in salita, arrivati a quota 4,9 miliardi di dollari contro i 2,9 mld del trimestre precedente. In crescita anche i ricavi, che hanno raggiunto i 17,74 miliardi, mentre rimangono stabili i costi e in lieve calo la raccolta pubblicitaria, a causa ovviamente della crisi sanitaria ancora in corso.

Microsoft: aumenta il cloud e salgono i ricavi

L’altro gigante hi-tech da considerare, per creare un portafoglio diversificato con i propri investimenti in Borsa, è ovviamente Microsoft. Mentre Bill Gates si dedica al sociale con la sua fondazione, rendendo pubblico il suo disappunto per non aver creduto al boom delle tecnologie mobili, l’azienda guidata da CEO Satya Nadella ha una quotazione di oltre 181 dollari ad azione.

Le performance a un anno sono di +46,42%, mentre quelle a 6 mesi di +28,92%, con una capitalizzazione superiore a 1,2 trilioni di dollari. Anche per Microsoft la prima trimestrale del 2020 batte le attese, con ricavi saliti a 35,02 miliardi di dollari e un utile per azione di 1,40 dollari. Vola il settore cloud, con un incremento del 15% nel trimestre, dove si nota l’eccezionale prestazione di Microsoft Azure, in crescita del 27,2% con ricavi a 12,28 miliardi di dollari nel Q3.