martedì, 11 dicembre, 2018
Emigrare negli Stati Uniti: come fare?

Se anche voi avete questo pensiero di dire addio all’Italia per un lunghissimo periodo, vi informiamo che è ancora possibile, anche se formalmente difficile. L’iter burocratico potrebbe durare mesi, sia nella città di partenza che in quella di arrivo, soprattutto se vi mettete in testa di diventare cittadini americani. Siete ancora convinti di farlo, nonostante questo? Vediamo quali sono gli aspetti vantaggiosi da considerare, e come fare in caso foste determinati a dare questo tipo di svolta alla vostra vita.

Considerazioni da fare prima di partire

  • New York, Los Angeles, Washington, Boston o Seattle? Ricordatevi innanzitutto di intraprendere la scelta giusta. Iniziate quindi da questo punto ponendovi una domanda: il mio stile di vita è adatto per abitare a…(inserire nome della città)?
  • Una volta deciso cercate di prendere più informazioni possibili per colmare le lacune: quale quartiere è più sicuro, più adatto per continuare la mia vita?
  • A meno che non abbiate l’intenzione ben precisa di metter su famiglia con un cittadino statunitense entro 90 giorni e di sposarvi per non avere problemi, cercate un lavoro: si tratta di un requisito più che valido per poter espatriare negli Stati Uniti e i posti di lavoro sono certo maggiori e meglio retribuiti.
  • Se siete studenti serve un visto specifico per voi: se non lo possedete e fate il vostro ingresso come turisti, non potrete iscrivervi in nessuna scuola o università.
  • Se si entra senza visto alcuno non c’è possibilità di prolungare il soggiorno (per questo serve un’autorizzazione) e quindi siete clandestini, totalmente allo sbaraglio.

Come ottenere quindi il visto?

  1. Basta recarvi al consolato americano presente nella vostra città oppure sbrigare le pratiche tramite posta raccomandata;
  2. Per richiederlo via posta dovete mandare una fotocopia del passaporto valido per la durata dell’intero soggiorno;
  3. Tenete a mente l’indirizzo delle 4 ambasciate americane in Italia: a Milano potete recarvi in Via Principe Amedeo 2, a Firenze invece dovete raggiungere Via Lungarno Vespucci, al civico 38 oppure contattare il numero 055-266951; a Roma l’ambasciata si trova in una zona piuttosto centrale, in Via Vittorio Veneto (civico 110) oppure telefonate al numero 06-46741. Per finire, a Napoli potete trovare l’ambasciata a Piazza della Repubblica.

Quanti tipi di visto esistono?

Partiamo da quella più conosciuta, la Green Card, sarebbe a dire un vero e proprio permesso senza limiti di permanenza per coloro che decidono di vivere e lavorare negli Stati Uniti. Ci sono tre modi per poterla ottenere: attraverso l’approvazione del Servizio di cittadinanza e immigrazione, richiesta da un famigliare, dal datore di lavoro oppure partecipando al Diversity Visa Program. Dopo 5 anni si può pensare di ottenere la cittadinanza.

Poi esiste la Family Immigration Green Card, richiesta da un parente molto prossimo per tutto un nucleo famigliare, attraverso la compilazione di un form, da presentare poi all’ufficio immigrazione. Costa ben 500$

Ancora si può richiedere la Employement Immigration Green Card, ma bisogna che tutto sia in regola, con un contratto di lavoro che attesti la presenza per motivi lavorativi, e di questo dovrà occuparsene lo sponsor o datore di lavoro.