La pelliccia da ieri a oggi | Cice2012
domenica, 19 agosto, 2018

camelLa pelliccia ha trionfato nelle collezioni invernali 2015-2016 e, persino per la stagione in arrivo le modelle hanno sfilato con coprispalle pelosi e gilet lunghi e maculati.

Tutto fa pensare che la tendenza pelliccia spopolerà anche per l’inverno 2016-2017.

Le ultime sfilate appena concluse a Milano, Londra e New York hanno confermato come protagonista del prossimo inverno il cappotto di pelliccia, eco.

Pelliccia, le origini

In passato la pelliccia era simbolo di lusso e prestigio: la donna che indossava questo capo erano l’espressione di uno status symbol.

Oggi la pelliccia di 50 anni fa non esiste più: destrutturata e colorata, è diventata un capo giovane e di carattere.

Come non ricordare, poi, la pubblicità della Lav degli anni ’90 dove Naomi Campbell posava senza veli affermando «Meglio nuda che in pelliccia».

Infatti, i modelli dei decenni scorsi richiedevano l’impiego di almeno 60 pelli: uno spreco enorme ed eticamente improponibile.

Oggi la maggior parte delle signore le predilige sì di valore, ma rigorosamente eco, le cosiddette ecofur.

Il pelo sintetico ha raggiunto una qualità altissima ed in più permette di sperimentare texture e colori.

L’innovazione tecnologica ha conquistato anche le maison di moda più celebri, come la Vuitton e la griffe Stella McCartney.

Se hai qualche dubbio su come indossarla affidati al classico bianco e nero, se invece vuoi osare opta per le tinte pastello o fluo addirittura.

I capi più in voga sono i gilet, leggeri e voluminosi, il bomber, corto e morbidissimo e le borse di pelo, a mano o a tracolla, sono un vero must.